Le giornate FAI di Primavera all'Istituto Leonardo da Vinci

LE “GIORNATE FAI DI PRIMAVERA” ALL’ISTITUTO “L. DA VINCI”: UN SUCCESSO DI PARTECIPAZIONE

Sabato 26 marzo (pomeriggio) e domenica 27 marzo (mattina e pomeriggio), circa 450 persone hanno visitato l’istituto “L. da Vinci” che è diventato luogo FAI nelle “Giornate FAI di primavera”. L’istituto ha infatti aperto le sue porte oltre alla comunità scolastica, alla cittadinanza, che è accorsa numerosa.

L’iniziativa, rientrante nel progetto “Valorizziamo il nostro istituto ed i beni culturali”realizzato dal prof. Pellegrino, ha avuto come finalità principale, attraverso la realizzazione di percorsi di Pcto innovativi, la valorizzazione della nostra scuola coinvolgendo il FAI e rielaborando le ricerche già effettuate dai precedenti progetti “Prospettive della memoria” e “L’identità nei territori”.

I protagonisti sono stati gli studenti della classe 3AT dell’istituto tecnico economico – indirizzo turismo, supportati dal prof. Pellegrino e dalla prof.ssa Varchetta, che si sono calati nel ruolo di “Apprendisti ciceroni” ed hanno guidato gli ospiti alla scoperta della storia e dell’arte legate al complesso, l’ex monastero delle Maddalene, con cui si identifica da tanti anni la nostra scuola.

 

L’itinerario guidato più volte dagli studenti e della durata ognuno di circa 45 minuti, è iniziato dall’aula magna, dove si è accennato all’origine della struttura e del quartiere, successivamente lo story-telling è continuato con la visita dei due chiostri (chiostro delle magnolie e chiostro del pozzo) ed infine è terminato nel teatro delle Maddalene, ex oratorio del monastero. Domenica si sono visitati anche i cimiteri ebraici, vicini all’istituto.

Per l’occasione hanno partecipato anche una delegazione di studenti dell’istituto “Valle” per le riprese audio e video e una rappresentanza dell’istituto “Marchesi” per una breve esibizione musicale all’interno del teatro. A loro vanno i ringraziamenti del nostro Istituto.

Si ringrazia anche la delegazione FAI, in particolare i proff. Pavanini e Maffei per la      collaborazione e la disponibilità.

 

La riscoperta della nostra identità, attraverso il racconto degli studenti, ha fatto emergere il valore culturale e storico dei luoghi della nostra scuola, ed è stato molto apprezzato dai visitatori, un bel momento di condivisione e di “educazione alla bellezza” della comunità scolastica aperta al territorio, in cui gli studenti acquisiscono nuove competenze e la scuola diventa soggetto di cittadinanza attiva.

                   

Ultima modifica il 14-07-2022 da ROSARIA CATALANO